PROGETTO ANNUALE A.S. 2016/2017

SCUOLA DELL’INFANZIA G. SEGA

L’INCREDIBILE VIAGGIO NEL VILLAGGIO

Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento per favorire l’organizzazione di ciò che i bambini vanno scoprendo. L’esperienza diretta, il gioco, il procedere per tentativi ed errori, permettono al bambino, opportunamente guidato, di approfondire e sistematizzare gli apprendimenti. Ogni campo di esperienza offre un insieme di oggetti, situazioni, immagini e linguaggi, riferiti ai sistemi simbolici della nostra cultura, capaci di evocare, stimolare, accompagnare apprendimenti progressivamente più sicuri. Nella scuola dell’infanzia i traguardi per lo sviluppo della competenza suggeriscono all’insegnante orientamenti, attenzioni e responsabilità nel creare piste di lavoro per organizzare attività ed esperienze volte a promuovere la competenza, che a questa età va intesa in modo globale e unitario (Indicazioni nazionali 2012).

La famiglia dello Gnomo Berto ci porterà alla scoperta della loro casa, del villaggio e della città.scuola materna sega

  • Utilizzeremo come personaggio mediatore Berto e la sua famiglia

  • Narreremo una storia interamente inventata dalle insegnanti

  • Attraverso il racconto porteremo i bambini in un viaggio all’interno del villaggio degli gnomi e contemporaneamente scopriremo la nostra scuola, il quartiere e il territorio

Il progetto annuale si svilupperà a partire dalla fine di ottobre, dopo il periodo di inserimento, in una sequenza temporale di tre unità di apprendimento:

  • Mi preparo per il viaggio (ottobre-gennaio)

  • Alla scoperta del villaggio (gennaio-febbraio-marzo)

  • Un villaggio oltre i confini (marzo-aprile-maggio)

La caratteristica di questo progetto è che le insegnanti per ogni unità di apprendimento proporranno sei aree ricorrenti in ogni unità e che permetteranno di sperimentare lo stesso argomento ma con tecniche e modalità diverse.

Le aree ricorrenti saranno:

  • COSA VEDO

  • CHI INCONTRO

  • COSA PROVO

  • COME MI COMPORTO

Campi di esperienza

  • Il sé e l’altro

  • Linguaggi, creatività ed espressione

  • Il corpo e il movimento

  • I discorsi e le parole

  • La conoscenza del modo

Obiettivi generali del progetto:

  • Conoscere le caratteristiche della propria famiglia

  • Conoscere e rispettare le regole dello stare insieme

  • Creare curiosità verso il modo che ci circonda

  • Percepirsi come parte di una comunità

  • Favorire la conoscenza e il rispetto dell’ambiente in cui viviamo attraverso la conoscenza di esso

PERIODO SETTEMBRE/OTTOBRE

Benvenuti e bentornati: a scuola con il Polpo Ottavio

scuola materna segaOgni passaggio è un passaggio ad altri luoghi, ad altre persone, ad altre regole e ritmi di vita, un passaggio che produce “spaesamento”, distacco, perdita. Dal modo in cui il bambino riesce a superare i suoi primi distacchi si elaborano sicurezze per la vita futura e si costruiscono salde fondamenta per l’identità”. Bosi 2007

Prima di addentrarci nelle attività e nello svolgimento del programma annuale è indispensabile dedicare in questo periodo all’accoglienza”, ovvero all’inserimento dei piccoli e al re – incontro di mezzani e grandi.

Una buona accoglienza getta le basi per un approccio sereno all’ambiente scolastico, alla relazione positiva con le insegnanti, con il personale e con i compagni.

Per questo anno scolastico verrà utilizzato il racconto “nome della sezione e i braccialetti”, il racconto prevede una fase operativa nella quale i bambini, insieme a mamma e papà costruiranno il braccialetto con il simbolo della sezione di appartenenza. Il racconto e l’attività accompagneranno la famiglia all’ingresso della scuola dell’infanzia. L’utilizzo di un filo conduttore se pur molto semplice, aiuta i bambini a orientarsi in questo spazio nuovo da scoprire, ritrovare per il primo periodo la propria fotografia, significa sapere che c’è già traccia di noi in questo posto, che uno spazio è riservato solo a me e che altri bambini come me stanno vivendo le stesse emozioni.

L’accoglienza prevede per i più piccoli i seguenti primi obiettivi generali:

  • Conoscere le insegnanti

  • Conoscere i compagni

  • Conoscere l’ambiente

  • Staccarsi serenamente dalle figure di riferimento

  • Intuire e sperimentare le prime routine

  • Conoscere le regole per una buona convivenza

  • Giocare e sperimentare attraverso la manipolazione libera e strutturata

In questo periodo verranno inoltre proposti giochi e attività per la conoscenza dei compagni.

Per mezzani e grandi e un riscoprire l’ambiente e rincontrare i compagni e le insegnanti, i ritmi e le routine quotidiane vengono riprese in modo graduale, si riscopre il piacere del gioco e delle attività.

La struttura del progetto annuale prevede l’utilizzo di libri che possano introdurre e accompagnare le attività del periodo.

Sono libri e pubblicazioni che con il linguaggio semplice delle storie per bambini permetteranno, di toccare tematiche complesse come la diversità, la conoscenza, la collaborazione, l’accoglienza.

Per questo anno scolastico le insegnanti proporranno il progetto “A scuola con il polpo Ottavio”

PERIODO FINE OTTOBRE/GENNAIO

Mi preparo per il viaggio”

A fine ottobre i bambini scopriranno nell’atrio della scuola degli alberi, abitazioni degli gnomi. Ogni sezione troverà il personaggio Berto, uno gnomo che i bambini impareranno a conoscere attraverso la narrazione della fiaba “L’incredibile viaggio nel villaggio”

A titolo di esempio la struttura dell’Unita di apprendimento “Mi preparo per il viaggio”

OBIETTIVI GENERALI

  • Sviluppare l’identità personale

  • Riconosce di avere una storia personale e familiare

  • Rispetta le prime regole comuni

  • Consolida le routine quotidiane

PERIODO DICEMBRE

Festa di Natale

Il presepe lo facciamo noi”scuola materna sega

Il Natale rappresenta l’occasione per riflettere sui messaggi fondamentali della vita cristiana e del vivere nella dimensione di accoglienza e di dono verso l’altro. Il Collegio docenti ha individuato nella storia “Il presepe lo facciamo noi” una narrazione che incarnasse lo spirito del Natale e che nello stesso tempo potesse essere riconducibile al progetto annuale, in questo caso il presepe non è altro che un grande villaggi: I messaggi che attraverso questa narrazione si intendono dare sono: l’attesa per la venuta di Gesù, l’importanza di essere protagonisti positivi nell’attesa di Gesù e che con la collaborazione e la solidarietà possiamo accogliere il bambino Gesù.

OBIETTIVI

  • Cogliere gli aspetti principali che caratterizzato la nascita di Gesù

  • Esprimere sentimenti ed emozioni con il canto

  • Vivere l’atmosfera del Natale promuovendo nel bambino valori quali il sentimento di amore, amicizia, pace, convivenza, cooperazione e solidarietà.

PERIODO GENNAIO/MARZO

Alla scoperta del villaggio”

OBIETTIVI

  • Conoscere ed esplorare le caratteristiche del villaggio

  • Formulare ipotesi

  • Riconoscere e scoprire gli elementi che costituiscono il villaggio/quartiere

  • Riconoscere i gli ambienti

PERIODO APRILE/MAGGIO

Il villaggio oltre i confini”

  • Conoscere ed esplorare le caratteristiche della città

  • Formulare ipotesi

  • Riconoscere le regole per muoversi in modo sicuro nella città

PERIODO METÀ MAGGIO / GIUGNO

Festa di fine annoscuola materna sega

La festa di fine anno non rappresenta solo la conclusione di un percorso, ma è un memento di condivisione e di festa con le famiglie dei bambini. È l’opportunità di vivere in modo gioioso una giornata che vede i bambini protagonisti divertiti e gioiosi.

La festa di fine anno si definisce e si struttura durante i mesi che la precedono, con l’aiuto e la collaborazione dei genitori.